I requisiti degli immobili di lusso secondo la legge italiana


I requisiti degli immobili di lusso secondo la legge italiana

Leggi&Normative , Network Great Estate Feb 01, 2013 No Comments
Una delle prime domande che potreste porvi prima di acquistare un fantastico casale nelle campagne toscane piuttosto che una magnifica villa al mare è… si tratta di un immobile di lusso? Uno sguardo alla normativa in proposito

Quali sono i criteri per cui la legge italiana considera una casa un immobile “di lusso”?

Il testo normativo di riferimento per la Corte di Cassazione è il D.M. Lavori pubblici 2 agosto 1969, ai sensi del quale sono considerate abitazioni di lusso:

1. Le abitazioni realizzate su quelle aree che gli strumenti urbanistici, adottati o approvati, destinano a “ville”, “parco privato” ovvero a costruzioni qualificate dai predetti strumenti come “di lusso”.

2. Le abitazioni realizzate su aree per le quali i suddetti strumenti urbanistici prevedono una destinazione con tipologia edilizia di case unifamiliari e con la specifica prescrizione di lotti non inferiori a 3000 mq., escluse le zone agricole, anche se in esse siano consentite costruzioni residenziali.

3. Le abitazioni facenti parte di fabbricati la cui cubatura superi 2000 mc. e realizzati su lotti nei quali la cubatura edificata risulti inferiore a 25 mc. v.p.p. per ogni 100 mq. di superficie asservita ai fabbricati.

4. Le abitazioni unifamiliari dotate di piscina di almeno 80 mq. di superficie o campi da tennis con sottofondo drenato di superficie non inferiore a 650 mq.

5. Le case composte di uno o più vani costituenti unico alloggio padronale, avente superficie utile complessiva superiore a mq. 200 (esclusi i balconi, le terrazze, le cantine, le soffitte, le scale e posto macchine) ed aventi come pertinenza un’area scoperta della superficie di oltre sei volte l’area coperta.

6. Le singole unità immobiliari aventi superficie utile complessiva superiore a mq. 240 (esclusi i balconi, le terrazze, le cantine, le soffitte, le scale e posto macchine).

7. Le abitazioni facenti parte di fabbricati o costituenti fabbricati insistenti su aree comunque destinate all’edilizia residenziale, quando il costo del terreno coperto e di pertinenza supera di una volta e mezzo il costo della sola costruzione.

8. Le case e le singole unità immobiliari che abbiano oltre 4 caratteristiche tra quelle della tabella allegata al decreto.

Condividi su:

Chiara Peppicelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.