Intervista a Wei Li.Dalla Cina all’Italia e Ritorno


Intervista a Wei Li.Dalla Cina all’Italia e Ritorno

Network Great Estate , Professionisti Mag 09, 2014 No Comments

 

A cura di Alessandra Conforti

Il Gruppo Immobiliare Great Estate & Chesterton sta sviluppando il settore del mercato immobiliare cinese, dove esiste una importante realtà di investitori che guardano all’Europa e all’Italia. Insieme a Simone Vicari che coordinerà il progetto per il Gruppo in Italia, andiamo oggi a conoscere Wei Li, punto di riferimento del progetto per la Cina.

Wei Li, raccontaci la tua storia professionale.

Sono un imprenditore Cinese nell’ambito della ristorazione, e lavoro in Italia da oltre 20 anni. Sono nato a Nanjing. Durante tutti questi anni nella ristorazione ho seguito anche altre attività in supporto ad investitori Cinesi che volevano implementare attività di produzione in Italia specialmente nell’ambito del tessile.

Sarò la persona di riferimento nel progetto lato Cina.
Avendo mantenuto un ottima reputazione in Cina e rapporti interpersonali importanti potrò facilitare la comunicazione tra Asia e Italia. Inoltre ho acquisito una buona conoscenza delle leggi in Italia soprattutto per la parte immigrazione, essendo anche io un cinese Immigrato in Italia per motivi sia di lavoro che familiari

Cosa cercano maggiormente i clienti cinesi in Italia?

Ci sono diverse categorie di cinesi, quelli che hanno patrimoni importanti ma con un livello culturale rimasto molto tradizionale e non hanno un ampia visione internazionale, questa tipologia principalmente ricerca palazzi moderni, tecnologicamente attrezzati con diversi appartamenti che siano logisticamente ben collegati con mezzi di trasporto alle scuole al fine di creare un futuro migliore per il loro famigliari.
Poi esiste, e sta crescendo, una fascia di potenziali clienti che hanno già una visione internazionale e quindi puntano a realizzare un Investimento, anche perché l’ immobiliare in Cina ha quasi raggiunto l’apice in alcune città importanti, come Shanghai o Shenzhen. Quindi approfittano del mercato locale per vendere in Cina e spostare l’investimento in Europa (Italia) dove si possono ancora trovare buone opportunità. In questo caso anche ville singole, poderi e vigneti fanno parte della lista.

E in quali zone principalmente?

Per adesso le zona che hanno maggior successo sono Roma, Milano e anche ovviamente la Toscana. Comunque siamo ancora all’inizio del progetto e ancora non siamo in grado di valutare statisticamente quale saranno le zone di maggior interesse.

Per il budget non esiste un limite minimo anche perché la legge Italiana per gli investitori cinesi non richiede un importo minimo. Può capitare che a volte acquistino in gruppo e quindi tutti con profili diversi che insieme decidono di fare un investimento importante acquistando anche diversi immobili contemporaneamente.

Quale è il modo migliore per approcciarsi a questa clientela?


Trasmettere il senso di trasparenza e fiducia, spesso tutto si basa sulla fiducia. I Cinesi richiedo molto l’aspetto formale e quindi figure molto professionali e rassicuranti. Il nostro obiettivo è quello di rimuovere qualsiasi potenziale dubbio nei loro confronti trasmettendo sicurezza e alta professionalità e mantenere un legame con il cliente sin dal primo giorno e anche dopo la vendita, prendendo cura di tutta la prassi necessaria per l’ottenimento dei Visti a lungo periodo e anche della residenza elettiva.

Condividi su:

Press Office

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!