Qual è il prezzo giusto da richiedere quando decidi di vendere la tua proprietà? Scoprilo ora


Qual è il prezzo giusto da richiedere quando decidi di vendere la tua proprietà? Scoprilo ora

Network Great Estate Dic 07, 2023 1 Comment

Stai decidendo di mettere in vendita la tua proprietà? Una delle prime cose da fare per iniziare nel migliore dei modi è individuare il giusto valore da proporre al mercato.

In questa guida speciale, sono raccolti gli esempi e le buone pratiche che Stefano Petri, fondatore di Great Estate, ha maturato nel corso di 25 anni di esperienza nella valutazione e compravendita di proprietà di prestigio. Riceverai consigli mirati per approcciare con il giusto metodo la valutazione, il primo passo fondamentale per una vendita di successo.

Hai deciso di vendere la tua proprietà, da dove cominciare?

Nel compiere questo importante passo è importante avere piena consapevolezza del valore che può essere attribuito alla proprietà. Ecco quali sono i 3 più comuni punti critici di una valutazione che un metodo professionale può aiutarti a trasformare in vantaggi.

  1. L’andamento del mercato

La maggior parte dei proprietari desidera raggiungere un ricavo del 20% o anche 30% superiore rispetto all’investimento sostenuto per acquistare e ristrutturare la proprietà che mette in vendita.

Un’aspettativa più che comprensibile, ma che porta ad una percezione distante dalla realtà del mercato. Per esempio, dal 2008 al 2020 il valore degli immobili di qualsiasi tipologia in Italia ha subito un calo medio annuo del 5%, un trend che ha portato quasi a dimezzare i prezzi delle proprietà nell’arco di circa 10 anni. Perché il mercato dovrebbe concedere alla tua proprietà un valore maggiore, quando lo stesso è in diminuzione?

Il valore delle proprietà, anche nel settore del prestigio, diminuisce negli anni e può subire ulteriori cali in base a diversi altri fattori oggettivi che una valutazione affidabile deve tenere in considerazione per una stima corretta.

  1. Il valore soggettivo

Fondate analisi statistiche individuano il plusvalore che ogni proprietario tende ad attribuire alla sua proprietà entro una forbice che va dal 20% al 50%.

Chi nella vita ha acquistato una proprietà conosce bene i sacrifici sostenuti, quanto sono costati i lavori di ristrutturazione o quelli di manutenzione. Inoltre, in molti casi la casa è stata vissuta, conserva memorie e legami dal valore inestimabile per chi è protagonista della sua storia. Per ogni proprietario, la sua casa è unica e migliore delle altre. Traslando queste riflessioni su un ipotetico acquirente, la percezione è completamente diversa e per questo si parla di “valore soggettivo”. L’acquirente che cerchiamo è disposto ad investire nella tua proprietà in maniera consapevole, quindi su una base più logica che emotiva. Tra il suo punto di vista ed il tuo, si colloca il valore oggettivo, quello verso il quale la valutazione professionale tende ad avvicinarsi.


Un professionista rispetta il valore soggettivo che attribuisci alla tua proprietà, restando trasparente e oggettivo nel produrre una valutazione più vicina alle reali opportunità di vendita. 

  1. Il passaparola

Amici, parenti o conoscenti senza una solida base professionale tenderanno sempre a confermare o anche ad aumentare il valore che il proprietario si aspetta di raggiungere dalla compravendita.

Il “valore soggettivo” può essere spesso condiviso dalle persone che hanno familiarità personale con il proprietario o che semplicemente desiderano essere incoraggianti e di supporto. Sentimenti positivi che però possono rafforzare le aspettative al rialzo, ostacoli di una strategia di vendita orientata al successo.

Un’altra possibile fonte di convinzioni errate sono i rapporti con professionisti che promettono risultati eclatanti e veloci, ma solo in cambio di considerevoli investimenti, o che propongono valutazioni sommarie non adeguatamente documentate. È uno scenario che può risultare familiare a chi ha una proprietà sul mercato che non riesce a vendere da diversi anni.

Una valutazione oggettiva è supportata da una documentazione verificabile e da analisi condotte da professionisti specializzati. Affidandoti a Great Estate sarai pienamente consapevole del valore della tua proprietà e di tutti i fattori che concorrono alla sua attribuzione.

Ora che conosci i più comuni margini di miglioramento che possono interessare la valutazione della tua proprietà, ti invitiamo a leggere il prossimo capitolo di questa guida, on line da giovedì 1 febbraio.

Scoprirai come vendere la tua proprietà al giusto prezzo, con due esempi tratti da casi reali di proprietà valutate da Great Estate e arrivate alla vendita con risultati notevolmente diversi.

Condividi su:

Chiara Peppicelli

One Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.