La vendita di “Villa Smeraldo”: intervista alla Sig.ra Dorthe


La vendita di “Villa Smeraldo”: intervista alla Sig.ra Dorthe

Clienti , Venditori Giu 05, 2020 No Comments
Dopo aver raccolto i commenti dei nuovi proprietari della splendida “Villa Smeraldo”, venduta lo scorso 28 aprile grazie alla perfetta sinergia tra Great Estate Network e l’agenzia partner Italia Immobilien, oggi ti proponiamo l’intervista alla Sig.ra Dorthe, parte venditrice della relativa compravendita
  • Benvenuta Dorthe.
    Come prima cosa ci terremmo a ringraziarLa per aver deciso di concederci questa intervista.
    Le andrebbe di raccontarci qualcosa di sé, di cosa si occupa e da dove viene?

Vengo dalla Danimarca, dove vivo con mio marito e mio figlio di 10 anni. Mi occupo di interface designing, adoro essere creativa, ripensare e ricreare gli spazi, le forme ed i materiali.

  • Come mai Lei e la Sua famiglia avete scelto le colline intorno al lago Trasimeno come location dove realizzare la Vostra proprietà? Conoscevate già queste zone?

Circa 20 anni fa, la mia famiglia ed io visitammo sia la Toscana che l’Umbria, proprio con l’intento di acquistare una casa in una di queste regioni.

Abbiamo visto diversi posti ma, non appena scoperto il lago Trasimeno, abbiamo capito che la nostra ricerca era giunta al termine.

Circa 10 anni dopo, ormai pazzi per l’Italia, ho iniziato a considerare l’idea di trasferirmi nel vostro Paese. Per questo motivo abbiamo deciso di costruire una casa proprio accanto a quella dei miei genitori.

  • Ricorda qualche aneddoto particolare legato alla proprietà che vorrebbe condividere con noi?

Quando nacque mio figlio, mio marito ed io trascorremmo diverse settimane a “Villa Smeraldo”, durante l’inverno. Era un inverno particolarmente freddo, con temperature spesso sotto lo zero e mezzo metro di neve. Era impossibile raggiungere Tuoro Sul Trasimeno, anche solo per andare a far spesa, con la macchina che avevamo noleggiato. Per fortuna, Orlando Baldoni, padre dell’Architetto Baldoni, nonché persona incaricata dei lavori di restauro della casa, si offrì di accompagnarci con il suo “Fuoristrada 4×4” ogni qualvolta ne avessimo avuto bisogno. Nonostante lui non parlasse una parola di inglese e noi poco di italiano, durante queste particolari settimane trascorse nella nostra nuova casa si è dimostrato davvero gentile nei nostri confronti.

  • Come avete sfruttato la proprietà durante questi anni?

Abbiamo vissuto “Villa Smeraldo” soprattutto i primi anni dopo la sua costruzione: ospitavamo spesso diversi amici, trascorrendovi insieme varie settimane durante l’estate. Purtroppo, la legislazione danese ci ha limitato nella possibilità di vivere ed utilizzare la nostra villa: infatti, ai sensi delle leggi danesi, risiedere presso un’abitazione e affittarla senza pagare ulteriori contributi risultava illegale. E’ per questo che negli ultimi anni abbiamo trascorso le nostre vacanze presso la villa della mia famiglia, senza comunque mai perderci un’estate in Umbria!

  • Se non Le dispiace, potrebbe dirci perché avete deciso di vendere “Villa Smeraldo”?

Beh, proprio per questo problema legato alla legislazione del nostro Paese. Visto che non avremmo potuto più godere di “Villa Smeraldo” in prima persona, abbiamo deciso di venderla.

  • Ed arriviamo ora alla Vostra collaborazione con Riccardo Luculli e Nadia Aron (Italia Immobilien), responsabili del mercato acquirente tedesco per il Network Great Estate. Come li avete conosciuti e come è iniziato il Vostro rapporto con loro?

Ho conosciuto Riccardo diversi anni fa, in quanto ha aiutato molto i miei genitori nei loro affari in Italia. Ci siamo incontrati più volte nel corso del tempo, trascorrendo anche fantastiche serate alla villa, proprio in loro compagnia.

La collaborazione con Nadia si è rivelata davvero utile nel momento in cui, a causa dell’emergenza Coronavirus, i confini con l’Italia sono stati di fatto chiusi: infatti, noi avevamo bisogno sia di un rappresentante in loco per i venditori che di uno per gli acquirenti.

  • Sappiamo che, proprio grazie al supporto di Nadia e Riccardo, siete riusciti a vendere “Villa Smeraldo” a dei clienti tedeschi. Ci vuole raccontare qualcosa riguardo la trattativa?

La trattativa è andata benissimo. Infatti, ritengo che tutti, sia noi venditori che gli stessi acquirenti, fossimo tranquilli quanto al fatto di trovarci in buone mani. Tutti i documenti necessari per la compravendita sono stati tradotti in inglese, in modo da evitare qualsiasi ostacolo di tipo linguistico.

Tuttavia, nonostante le difficoltà causate dal COVID-19, è solo grazie all’aiuto di Riccardo e Nadia che siamo riusciti a raggiungere lo step finale della firma del rogito notarile.

  • Alla luce dei magnifici risultati ottenuti in una situazione così complicata, cosa ne pensa del supporto ricevuto dai Vostri professionisti di fiducia?

Credo che questo sia un momento alquanto particolare. A causa di questa emergenza sanitaria non mi sono potuta recare di persona in Italia, e dunque ho dovuto firmare una procura dalla Danimarca.

Premesso che, proprio a causa di questo virus, l’intero sistema burocratico notarile danese si è “irrigidito”, Riccardo si è dimostrato davvero efficiente nel fornirci le giuste informazioni ed istruzioni su tutto ciò fosse necessario fare.

Dopo essere stati ostacolati più di una volta dal nostro stesso Paese (mi riferisco in particolare alle tante difficoltà incontrate nel riuscire a trovare un Notaio serio e professionale), ed aver dovuto ricontattare Riccardo proprio per questo motivo, sono stata finalmente in grado di poter firmare ed inoltrare il P.O.A. (il documento con cui ho nominato Riccardo come mio procuratore speciale).

Da quel momento in poi, le cose si sono svolte molto più facilmente e, un paio di giorni dopo, Riccardo ci ha inviato una bellissima foto del contratto di compravendita firmato.

  • Per concludere quindi, Lei e la Sua famiglia consigliereste Nadia, Riccardo e l’interno team di Great Estate ad altri clienti che vorrebbero vendere la propria casa in Italia?

Assolutamente sì!
Si sono dimostrati un punto d’appoggio sicuro e delle figure estremamente professionali. Inoltre, sono stati davvero unici nel riuscire a spiegare il sistema legislativo italiano che, agli occhi degli stranieri, può spesso risultare molto “opaco” e non facilmente comprensibile.

Uno speciale ringraziamento alla Sig.ra Dorthe

ARTICOLI CORRELATI:

Condividi su:

Chiara Peppicelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!